Ritirato il ddl Levi

 Roma – Ritirato il DDL Levi, almeno nella parte che concerne i blog. Lo annuncia alcuni minuti fa un comunicato stampa a firma Ricardo Franco Levi sul sito del Partito Democratico.

La norma proposta aveva fatto recentemente attivare anche l’associazione Articolo 21, Radio Radicale, un gruppetto di onorevoli, e più di ventimila persone su facebook.

Parole in parte condivisibili, quelle di Levi, perchè generiche. Il ritiro, comunque, vale più delle prevedibili righe spese in divesa del testo e potrebbe essere un segnale di apretura. Restano da valutare attentamente le prossime iniziative di “discussione con la Rete” e il concreto iter legislativo a prescindere dai comunicati stampa.

Così come resta ancora in sospeso la questione sollevata da Francesco Aprile su The Million Portal Bay per quanto concerne i finanziamenti pubblici ai siti di partito, questione non ancora debitamente chiarita. Ci torneremo.

Di questa vicenda, fra le tante riflessioni, le tante grida e i tanti commenti, resta il segno di un’influenza che forse la Rete sta acquisendo anche in Italia.

Forse.

By il blogger-ombra.

Giornalista svizzero, scrive prevalentemente di innovazione, diritto e società.
Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Commenta via Facebook

5 Commenti

  1. Pingback: diggita.it

  2. spataro

    Dal comunicato stampa:

    “Per queste ragioni, prima che il progetto di legge venga offerto alla discussione parlamentare in un testo definitivo, cancellerò dal testo il breve capitolo su internet. Discuteremo insieme se e come riempire quel vuoto.”

    Riempirlo con la multimedialità ? Deposito obbligatorio e bollinatura preventiva ?

    Replica
  3. Pingback: Tempismi 2 > Scripta volant

  4. Pingback: Che tempismo il DDL salva blog | www.gabrielemastellarini.com - Il Blogiornale di Gabriele Mastellarini

  5. Pingback: Editoria e blog | Molta confusione, qualche proposta di legge, ancora tanto da discutere | Problogging

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *